lunedì 10 luglio 2017

Segnalazione | La bolla di Onar. I guardiani dei sogni - Elisabetta Carovani

Buonasera readers!
Iniziamo la settimana con una nuova segnalazione di un romanzo di Elisabetta Carovani, una giovane scrittrice italiana che lo scorso a Novembre ha vinto il Concorso Letterario Nazionale "Streghe e Vampiri & Co." per la sezione romanzo. La sua opera, La bolla di Onar. I guardiani dei sogni Ã¨ il primo capitolo di una saga fantasy rivolta a tutti, in particolar modo ai lettori più giovani, con richiami storici e riferimenti ai miti. Con il suo romanzo, la scrittrice cerca di trasmettere al lettore curiosità e conoscenza volando con la fantasia in mondi magici ancora inesplorati. L'idea di questa storia nasce con l'intento di rivalutare l'attimo del congedo notturno, che prevede la condivisione del piacere della lettura tra genitori e figli. 

Titolo: La Bolla di Onar. I Guardiani dei Sogni
Autore: Elisabetta Carovani
Genere: Fantasy
Casa editrice: Giovane Holden Edizioni
Pagine: 64
Prezzo: 13,00 euro (cartaceo)  5,99 euro (e-book)
ISBN: 9788863969931
Dove comprarlo:


Trama:
Rabdos, il Folletto Pennaio, sta per rivelare l’esistenza del suo popolo e le verità legate al suo mondo: la Bolla di Onar. Non tutti, infatti, sanno che dietro al semplice augurio notturno espresso dai genitori si nasconde l’infaticabile lavoro dei folletti di Onar, che con i loro fedeli cavalli alati Burak, sono pronti a intervenire per garantire a tutti i bambini di vivere nei loro sogni fantastiche avventure, proteggendoli da un temibile e acerrimo nemico: Efialtes, la cui presenza sul pianeta Terra sta mettendo in pericolo l’innocenza, la spensieratezza e l’incanto dell’immaginazione nei più piccoli.

La bolla di Onar. I guardiani dei sogni è senza dubbio uno di quei romanzi che è stato in grado di incuriosirmi e invogliarmi a leggerlo semplicemente dalla trama, così ho deciso di inserire il libro nella TBR di Agosto e postare successivamente la recensione sul blog.

A voi ha incuriosito? Lo leggerete? 


Nessun commento:

Posta un commento